IL "SISTEMA GLOBALE"


In mediazione esistono diversi modelli di riferimento teorico, ciascuno contraddistinto dalle proprie specifiche caratteristiche.

Il nostro modello di riferimento, il cui autore è J. M. Haynes, viene definito olistico o globale.

Questo modello di mediazione viene applicato sia alle questioni relative alla sfera relazionale e genitoriale sia alle questioni patrimoniali, poiché si parte dal presupposto che le aree siano intrinsecamente legate. E’ aperto anche a coppie senza figli e non sposate poiché lo scopo di questo tipo di mediazione è dare alla coppia la possibilità di ritrovare un canale di comunicazione al fine di vivere il momento della separazione nel modo meno traumatico possibile.

Il percorso di mediazione è costituito da tre fasi quali un primo momento di accoglienza e acquisizione delle informazioni, chiamato premediazione; la mediazione vera e propria, costituita dalla negoziazione degli accordi; la fase finale in cui viene redatto l’accordo di mediazione familiare. Se necessario sono previsti anche degli incontri dopo alcuni mesi (“follow up”) per verificare se gli accordi presi siano realizzabili e realmente soddisfacenti per tutti i membri della famiglia.

 

 

F.A.Q. (DOMANDE FREQUENTI)
Dog

D. QUALI ARGOMENTI SI POSSONO TRATTARE NELLA MEDIAZIONE FAMILIARE?
R. Nel corso della mediazione familiare possono essere affrontati e negoziati potenzialm ...
D. LA MEDIAZIONE FAMILARE E’ PREVISTA DELLA LEGGE ITALIANA?
R. Sì, la mediazione familiare è espressamente prevista dalla legge italiana ed in parti ...

[leggi tutte le FAQ]